Loading...
Le notizie di Friday 10 January 2020 Direzione scientifica di M. Alessandra Sandulli - Andrea Scuderi - Pino Zingale
Direzione editoriale di Massimiliano Mangano - Chiara Campanelli 
Norma - quotidiano d'informazione giuridica - DBI s.r.l.
Direzione scientifica di M. Alessandra Sandulli e Andrea Scuderi
08/01/2020
CULTURA / Concorso

"Contenzioso davanti la Corte di Cassazione" del mese di dicembre 2019

Il contenzioso dell'anno: all'Avvocato Ennio Abonante il riconoscimento "Il contenzioso del mese di dicembre", per il contenzioso davanti la Corte di Cassazione.

L'Avvocato Ennio Abonante si aggiudica l'ultima tappa del Premio "Il contenzioso dell'anno" per il contenzioso davanti la Suprema Corte, grazie al successo ottenuto con l'ordinanza del 12 dicembre 2019, n. 32498 pronunciata dalla III Sezione Civile in accoglimento del ricorso proposto per la cassazione della sentenza del Tribunale di Paola, di rigetto della domanda di risarcimento dei danni ad apparecchiature domestiche a seguito di uno sbalzo di tensione verificatosi sulla rete elettrica. Il Giudice di Pace aveva rigettato la domanda, con pronuncia confermata dal Tribunale, secondo cui la domanda andava qualificata ai sensi dell'art. 2050 c.c. e, quanto al merito, se da una parte era stato provato il nesso causale con i danni lamentati, per converso era emerso il fortuito evento interruttivo dello stesso, concretizzato dal distacco di un cavo della linea elettrica avvenuto in occasione di condizioni meteo avverse.
La Corte di Cassazione ha, invece, ritenuto che il fatto come accertato dal giudice di merito non permettesse di essere sussunto, ovvero legalmente ricondotto, nella fattispecie di caso fortuito, rilevante ai fini dell'interruzione del nesso causale escludente la responsabilità da attività pericolosa e ciò in quanto, dal fatto quale accertato, nulla emergeva dei motivi del distacco del cavo, genericamente riferito alla presenza di condizioni meteo affatto buone e con significativo vento, senza che niente si sapesse della effettiva portata di queste ultime e quindi della possibilità delle stesse di essere apprezzate come effettivamente straordinarie e per ciò tali da vanificare le necessarie misure di prevenzione e manutentive. 
Una pronuncia che, avendo riconosciuto l'attività di produzione e distribuzione dell'energia elettrica quale attività pericolosa ai fini della responsabilità ex art. 2050 c.c., ha indubbiamente il merito di aver elevato il livello di efficienza richiesto ai distributori di energia elettrica, al contempo garantendo gli utenti per i danni, non infrequenti, da sbalzi di tensione.
Un risultato, quindi, giuridicamente rilevante ed al contempo dalle evidenti ricadute positive per gli utenti.
Massimiliano Mangano
Chiara Campanelli
AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128 Le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi. La riproduzione, la comunicazione al pubblico, la messa a disposizione del pubblico, il noleggio e il prestito, la pubblica esecuzione e la diffusione senza l'autorizzazione del titolare dei diritti è vietata. Alle violazioni si applicano le sanzioni previste dagli art. 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della legge 633/1941.

D.B.I. SRL - via Monaco I, 1/A - 90011 Bagheria (PA) - P.IVA 04177320829 - Iscr. Trib. Palermo 41892 vol.343/165